D.Lgs 81/08 art. 80 (Obblighi del datore di lavoro)


Studio Torelli

D.Lgs 81/08 art. 80 (Obblighi del datore di lavoro)

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché i lavoratori siano salvaguardati dai tutti i rischi di natura elettrica connessi all’impiego dei materiali, delle apparecchiature e degli impianti elettrici messi a loro disposizione ed, in particolare, da quelli derivanti da:

  1. contatti elettrici diretti;
  2. contatti elettrici indiretti;
  3. innesco e propagazione di incendi e di ustioni dovuti a sovratemperature pericolose, archi elettrici e radiazioni;
  4. innesco di esplosioni;
  5. fulminazione diretta ed indiretta;
  6. sovratensioni;
  7. altre condizioni di guasto ragionevolmente prevedibili.

Rilevante appare obbligo a carico del datore di lavoro, introdotto al comma 2 dell’art. 80 (“Obblighi del datore di lavoro”), di valutare i rischi di natura elettrica tenendo in considerazione tre aspetti fondamentali:

  1. le condizioni e le caratteristiche specifiche del lavoro considerando eventuali interferenze;
  2. i rischi presenti nell’ambiente di lavoro;
  3. tutte le condizioni di esercizio prevedibili.

Dal punto di vista sanzionatorio, il primo comma dell’art. 80 non è punito. E’ però prevista la pena dell’arresto da tre a sei mesi, o l’ammenda da 2.500 a 6.400 euro, per la mancata valutazione del rischio elettrico; tale valutazione è evidentemente necessaria per individuare le misure di sicurezza richiamate al comma 3 dell’art. 80, anch’esso punito con la pena dell’arresto da due a quattro mesi o con l’ammenda da 1.000 a 4.800 euro.

 

Consulta argomenti correlati NORMATIVE

Consulta argomenti correlati D.Lgs. 81/08

Leave a comment

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>